Crepes Parigine

283290

L’Arc du Triomphe con la sua possenza, il lungo viale degli Champs Elysèes, Pigalle con il fascino intatto di quartierino degli artisti, le Marayis con il centro Pompidou: modernità liquida che si versa in un centro antico amalgamandovisi con grazia, Montmartre, i giardini verdi con bianche statue marmoree per nulla immobili nel vociare dei bambini festanti, i bistrot che ti attirano con mani tese verso l’interno, la torre Eifell col suo fascino da icona del romanticismo intramontabile e un passato segnato di diffidenza, il Louvre con la sua piccola grande Gioconda e poi le crepes!

La mia mini vacanza a Parigi è stata tutto questo e anche di più!

297

Una Parigi troppo grande per essere posseduta in cinque giorni e forse troppo trafficata in alcuni punti ma pur sempre Parigi!

Oggi ricordando quel viaggio incompleto e desiderando ardentemente di tornarci anche per vedere Versailles vi propongo la ricettina delle mie crepes senza burro!

301

A Parigi ho assaggiato crepes dolci e salate di ogni tipo! Salate fatte con il grano saraceno e perciò adatte alle persone celiache o intolleranti al glutine e dolci fatte con la farina 00! Oggi ve le proporrò in versione salata  e senza burro con zucchine trifolate, formaggio e prosciutto cotto 🙂

019

Dosi per 6 crepes:

1 uovo e 1 tuorlo

100 grammi di farina di grano saraceno

250 ml di latte

Un pizzico di sale.

3 zucchine bianche medie

Formaggio q.b.

3 fette di prosciutto cotto

Procedimento:

In un contenitore capiente sbattete le uova con una frusta a mano e amalgamatele alla farina e un pizzico di sale. Aggiungete il latte e continuate a lavorare la pastella evitando la formazione di grumi.

Lasciate riposare il composto in luogo fresco (ma non in frigo)

In seguito mettete le zucchine tagliate a rondelle in una pentola con olio, cipolle e un pizzico di sale e fate cuocere.

Quando le zucchine saranno cotte amalgamatele a dei tocchetti di formaggio filante e al prosciutto tagliato a striscioline e lasciate riposare il composto.

Ungete una padella con un tovagliolo intriso di poco olio e fatela scaldare.

Versatevi sopra una mestolata di pastella  roteando la padella per fare in modo che il fondo venga interamente coperto dalla stessa. Abbiate cura che i bordi risultino più grossi in modo che in seguito si stacchino bene dalla padella. Appena la crepes comincerà a rapprendersi giratela dall’altra parte e lasciatela dorare per pochi istanti. Continuate così fino a terminare tutta la pastella e abbiate cura di separare le crepes con un pezzetto di carta da forno e di tenerle calde coprendole con una campana di metallo o un coperchio.

Farcite le crepes con il ripieno precedentemente preparato, guarnitele con riduzione di aceto balsamico e semini di sesamo e buon appetito!

024

 001

 

Annunci

Non è Estate Senza le Bruschette al pomodoro e basilico

bruschetta tre

Penserete… ma che ricetta è ? Una bruschetta la sappiamo fare tutti e tutti sappiamo che, come sempre, la cosa più importante per fare cucina di qualità sono gli ingredienti…

bruschetta 1

Oggi però con questo clima afoso avevo voglia di preparare una delle cose che mi piacciono di più e nel modo in cui la preferisco!!! Arriveranno tempi per piatti più originali ma oggi…oggi voglio solo lei!

bruschetta 2

La preparerò con un pane sardo detto ” moddizzosu” un pane di semola che prende il suo nome dall’arbusto, il lentischio detto appunto moddizzu, che viene impiegato per preparare il fuoco e per cuocere il pane nel forno a legna.In realtà  “moddi” in sardo significa anche morbido e ciò richiamerebbe  alla mente anche la caratteristica mollica di questo pane che è appunto morbida e compatta. Questo pane, inoltre, si conserva perfettamente per un’intera settimana senza produrre muffe o seccarsi eccessivamente.

bruschetta 5

Ingredienti:

pomodorini rossi di due diversi tipi  provenienti da agricoltura biologica

Pomodorini gialli Siciliani bio

basilico appena colto bio

uno spicchio di aglio

olio extravergine di oliva bosana q.b.

Sale q.b

Pane “moddizzosu” di Quartu  S.E.cotto con forno a legna e lievitato con lievito madre.

Procedimento:

Tagliare le fette di pane molto sottili con un grosso coltello da pane.

Strofinare uno spicchio di aglio privato della “camicia” sul pane e versarci sopra un filo d’olio e del sale.

Far abbrustolire il pane in maniera omogenea e mettervi sopra una dadolata di pomodorini precedentemente conditi con sale, olio e basilico tritato. Mangiare subito altrimenti le mangio io!!! scherzo…altrimenti il pomodoro bagna il pane e si perde la croccantezza!

Involtini di Melanzane

097

Ingredienti:

1 melanzana grande

Mezzo litro di latte

Due mozzarelle senza lattosio

Olio evo q.b.

7 foglie di basilico (oppure origano)

Sale q.b.

Pane grattugiato

1 etto di prosciutto cotto

Cinque pomodorini

1 spicchio di aglio

stecchini

Procedimento:

083

Tagliare la melanzana a fette abbastanza sottili e mettere le fette a bagno nel latte per almeno mezz’ora. Questo procedimento servirà per  far perdere il sapore amaro alla melanzana.

Nel frattempo, tagliare i pomodorini a fettine molto sottili, tritare l’aglio e sminuzzare le foglie di basilico. Mettere pomodori, aglio e basilico in una coppetta con olio e sale e lasciar riposare per dieci minuti.

085

Ungere d’olio una padella e far cuocere le fette di melanzana fino ad ammorbidirle per poi impanare ogni fetta nel pane grattugiato mischiato a un po’ di sale.

087

Mettere sopra ogni fetta di melanzana impanata un pezzetto di una fettina di prosciutto,  un cucchiaino di pomodori con  basilico e aglio e una o due fette sottili di mozzarella senza lattosio.

088

Creare un involtino e fermarlo con due stecchini incrociati.

089

Infornare gli involtini di melanzana a 180 gradi fino a completa cottura e buon appetito.

093

Polpette di zucchine

115

Il piacere di dedicarsi alla cucina è un piacere che richiede ispirazione e tempo a disposizione. Si decide di rimanere in casa, sistemare la cucina in modo che sia tutto a portata di mano, ci si veste comodi, si mette sul lettore un po’ di buona musica, ci si prende un caffè e si comincia!

Oggi è andata davvero così… Ho iniziato a cucinare verso le sei di sera. Dopo aver rigovernato la cucina e aver fatto la spesa finalmente ero libera di creare! Fuori c’era molto caldo ma in casa si stava bene così ho potuto decidere di utilizzare anche il forno per le mie preparazioni! Così oggi vi presento il frutto di questo mio relax casalingo: Le polpettine di zucchine.

Ingredienti:

5 zucchine medie

Due cucchiai di parmigiano

Tre uova

Una mozzarella senza lattosio

Pane grattugiato q.b.

Pepe nero q.b.

Sale q.b.

Un ciuffetto di prezzemolo grattugiato

Mezzo spicchio di aglio grattugiato (o se preferite mezza cipolla grattugiata)

Olio evo q.b.

Pepe nero q.b.

Procedimento:

Ridurre le zucchine a julienne.108

Tritare la mozzarella (precedentemente sgocciolata) e aggiungerla alle zucchine.  Mettere il tutto in un contenitore capiente e versarvi all’interno il pepe,l’aglio grattugiato (o le cipolle), il sale, l’olio,il parmigiano e le uova e amalgamare il tutto. Aggiungere, infine, il pane grattugiato e formare delle polpettine medie. Rotolare le polpettine nel pane grattugiato e disporle, distanziandole fra loro, su una teglia rivestita con carta da forno.111

Porre in forno a 200 gradi fino a ultimare la cottura. Dovranno risultare croccanti in superficie e morbide all’interno 😉

117

Un museo delle Mattonelle e una Torta salata di Pomodorini

Oggi ho scoperto grazie ad un’amica il piccolo museo delle piastrelle situato nel cuore del quartiere  “Castello” a Cagliari.Un museo della memoria che parla delle case e del gusto dei nobili abitanti di Castello ma anche delle persone comuni e delle loro case! Consiglio di visitare questo angolino delizioso del ricordo e di scoprirne i segreti…per questo motivo non intendo assolutamente anticiparvi nulla! 😉

Piccolo Museo:  “Contus De Arrejolas -Far Ceramica”, via Lamarmora, 67 Cagliari

11218881_10206768209391820_7742244453902998318_n

11081293_10206768209911833_2413106031704966634_n11053198_10206768210311843_3457584491726090546_n

quiche di pachino 1

Ingredienti:

Pomodorini pachino

pasta brisee

tre cucchiai di pesto

due mozzarelle senza lattosio

pane grattugiato

olio q.b.

sale q.b.

Procedimento:

Stendere la pasta brisèe sulla carta da forno e adagiarla all’interno di una teglia. Bucherellare la pasta con una forchetta e stendere su tutta la superficie le mozzarelle sgocciolate e tagliate a fette.Versarvi sopra tre cucchiai di pesto , i pomodorini  pachino interi e infine condire con poco olio, pane grattugiato e sale. Ripiegare la pasta brisèe ai bordi della teglia e infornare a 180 gradi fino ad ultimare la cottura.quiche di pachino

Pizzette di Melanzana

012 (2)

Ingredienti:

una melanzana media

due uova grandi

sale q.b.

un pomodoro o qualche pomodorino ciliegino

origano

semola q.b.

pane grattugiato q.b.

olio evo q.b.

latte q.b.

pepe nero

capperi (opzionali)

due mozzarelle sgocciolate

pizzette di melanzane

Procedimento:

Tagliare la melanzana a fettine abbastanza sottili e immergerle nel latte per circa mezz’ora. Scolare le fette di melanzana e passarle da ambo i lati nell’uovo (precedentemente  sbattuto con l’olio salato e pepato) e poi nella semola. In seguito passarle nuovamente nell’uovo e poi nel pane grattugiato.

Disporle in una teglia capiente rivestita con carta da forno. Far cuocere fino a doratura. Nel frattempo tagliare i pomodorini pachino e la mozzarella sgocciolata a cubetti. Sfornare le melanzane e disporre sopra ogni fetta il pomodoro, la mozzarella l’origano e gli eventuali capperi e infornare  nuovamente a 180 gradi fino a  far sciogliere la mozzarella. Buon Appetito!pizzette di melanzane

Mini Quiche di Porri e Zucchine

Esiste un adagio popolare che recita: “Aprile dolce dormire” ed io, simbolo vivente della veridicità di questa affermazione, mi trascino da giorni avanti e indietro fra mille impegni e incombenze e quasi dormo in piedi! Ho davvero poco tempo per rilassarmi nella mia cucina ma i rari e preziosi momenti che riesco a trascorrervi mi bastano per ricaricare le batterie 😉 Sono felice quando posso dare spazio alla mia creatività fra i fornelli. Manipolare gli impasti, sentire il profumo dei biscotti nel forno o del caramello sul fuoco sono per me attimi intensi e rigeneranti. Penso che preparare da mangiare sia un vero gesto d’amore nei confronti delle persone che amo. Adoro scegliere gli ingredienti con cura, utilizzare ortaggi colorati, spezie profumate e osare combinazioni più o meno insolite. A volte però fra mille impegni si ha la necessità di cucinare qualcosa di veloce e sostanzioso e in questi casi io cucino le quiche! Queste ultime, infatti, possono essere considerate un pasto completo e avendo poco tempo sono buonissime anche il giorno dopo fredde oppure riscaldate velocemente al forno!

Ingredienti:

Tre zucchine

cinque porri

75 grammi di pancetta

due confezioni di pasta sfoglia

due uova

pane grattugiato q.b.

un cucchiaio di parmigiano

120 grammi di provola affumicata

olio evo q.b.

un tuorlo d’uovo per spennellare le decorazioni.

060048

 Procedimento:

Mondare i porri e le zucchine e ridurre tutto in piccoli pezzi. Mettere i porri e la pancetta, in una casseruola e far cuocere fino ad imbiondire i porri. In seguito aggiungere  le zucchine, l’ olio e un pizzico di sale e far cuocere fino ad ultimare la cottura. Lasciar raffreddare per poi aggiungervi le uova, il parmigiano, il pane grattugiato, la provola in piccoli pezzi e un pizzico di sale. Ritagliare  con l’aiuto di un bicchiere capovolto tanti dischi di pasta sfoglia,bucherellarli con una forchetta e disporli all’interno di piccoli stampi di alluminio. versare all’interno dei dischi di sfoglia il composto precedentemente preparato e spolverizzare con pane grattugiato. Ritagliare con un taglia- biscotti delle formine di pasta- sfoglia , spennellatele col tuorlo d’uovo e sistemarle come decorazione sopra la superficie del tortino. Infornare in forno preriscaldato a 180 gradi e cuocere fino ad ultimare la cottura. Se necessario togliere le mini quiche dalle tegliette e continuare la cottura.

058