La “carnina” di maiale della domenica a casa di nonna.

carnina

Questo arrosto morto per me da piccola era semplicemente: La carnina delle domeniche a casa di nonna Lucia. Per dire il vero la carnina si è evoluta nella sua ricetta per successive contaminazioni 😉  ha iniziato mia madre sostituendo la carne di vitella con la carne di maiale poi ho visto che mia zia Riky metteva le carote anche all’interno in modo da disegnare su ogni fetta una o più rondelle di  carota  mentre i capperi li mette sempre mia suocera….Oggi la carnina è dunque una golosa carne di maiale, tenera e saporita che piace tanto anche ai miei cuginetti!

Ingredienti:

  • Carne di maiale
  • capperi sotto sale
  • sette carote
  • due cipolle bianche
  • rosmarino
  • pepe nero
  • salvia
  • quattro spicchi di aglio
  • olio evo q.b.
  • vino bianco
  • un dado vegetale
  • Sale q.b.

Procedimento: Il procedimento inizia già dal macellaio al momento della scelta della carne.Il pezzi più adatti sono la lonza  e il filetto facendo particolare attenzione al fatto che si tratti di un pezzo magro all’interno ma ricoperto da un piccolo strato di grasso. Prendere il pezzo di carne e massaggiarlo con un filo d’olio mischiato con il sale e varie spezie e aromi tritati come: il rosmarino, la salvia e il pepe nero.  Con l’aiuto di un coltello praticare delle incisioni all’interno del pezzo di carne e mettervi dentro uno spicchio d’aglio per ogni estremità del pezzo e una carota intera in modo che quanto taglieremo la carne le rondelle delle carote risultino incorniciate dalla carne stessa. Mettere l’olio, le altre carote, i capperi,  due spicchi d’aglio e le cipolle tagliate in piccoli pezzi all’interno di una pentola per arrosto e far cuocere a fuoco lento fino a doratura. Sfumare con un bicchiere di vino bianco (non versato direttamente sulla carne ma al lato) e continuare la cottura a fuoco lento senza ancora mettere il coperchio. A parte preparare un brodo con acqua e il dado che aggiungeremo a poco a poco quando l’arrosto sarà  come dice mia nonna” tornato all’olio” ovvero non ci sarà più vino nella pentola. La cottura proseguirà con la pentola con coperchio e di volta in volta aggiungeremo al bisogno un mestolo di brodo. Lasciar raffreddare la carne e poi tagliarla in fette più o meno di uguale misura far cuocere ancora qualche minuto nel proprio condimento in modo che si insaporisca e servire ben calda! buon appetito!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...